Toraldo Francesco - LA BOTTEGA DELL'ARTE

Vai ai contenuti

Toraldo Francesco

Opere Grafiche
 
Francesco Toraldo nasce nel1960 a Catanzaro.Nel ’74 si iscrive al liceo artistico di Catanzaro ma frequenta un solo anno. Il giovane Toraldo apprende le regole fondamentali della pittura e del colore nello studio di suo padre, anch’egli pittore, ma di un genere romantico dal quale l’artista, con il tempo, si distanzierà. Negli anni Ottanta espone a Genova, Roma e Lecce e nel 1987 si trasferisce in Sicilia dove inizia una nuova parentesi artistica. Nel ’94, grazie ad una sua opera riceve uno dei premi della città di Vittoria (Rg), nel ’96 gli viene commissionata la realizzazione di un’opera parietale nella chiesa Maria Immacolata di Pedara (Ct). Dal 2000 al 2003 le gallerie di Calcagno di Catania gli organizzano personali in Italia, Francia e Svizzera. Dentro le tele di Toraldo scorrono i flussi più vitali della pittura del Novecento. Se i blu smaltati, i rossi profondi, le lame di giallo sono figli di Van Gogh e della sensibilità dei Fauve, i ciclisti in corsa verso il traguardo con le ruote che si accavallano e si sovrappongono non possono non far pensare agli studi sul movimento dei Futuristi, in particolare di Balla. Nel leggere i visi leggermente deformati dei soggetti delle sue tele, non si può prescindere dalla lezione espressionista; i colpi di spatola, i graffi, il gesto che si rivela a tratti preponderante sul soggetto, condividono l’approccio emotivo dell’informale.
I temi principali dei suoi dipinti sono le raffigurazioni di vele sospinte dal vento, di suonatori di jazz, di corpi femminili nudi. Essi hanno l’essenzialità e l’immediatezza segnica di una pittura che sembra nascere direttamente dal colore, senza la necessità di un disegno preparatorio.
Tutta l’arte di Toraldo è musica, non solo le tele raffiguranti i jazzisti; è musica anche l’affannarsi dei ciclisti sull’ultimo rettilineo in vista del traguardo, oppure la corsa sfrenata dei cavalieri in sella ai loro animali ansanti, dove si sente l’emozionante tensione di un crescendo. Sono musica le regate, vele gonfie di vento, uomini che si aggrappano per restare in piedi sotto i colpi delle onde furiose. E’ musica il pathos più trattenuto, più calibrato, che si legge nelle scene di corrida o nell’allacciarsi dei ballerini di tango in un languido canto di violini. Infine i nudi, di una sensualità suggerita e sotterranea, il cui abbandonarsi pare sottolineato da una melodia discreta suonata da un solo pianoforte.
 
Toraldo "Audi Race"
50X100 serigrafia materica
365.00 €
Aggiungi
Toraldo "Fiabe in musica"
50X100 serigrafia materica
365.00 €
Aggiungi
Toraldo "Mamma Elvira"
50X50 serigrafia materica
232.00 €
Aggiungi
Toraldo"Hot five session"
100X80 serigrafia materica
780.00 €
Aggiungi
Toraldo"Luna Rossa"
50X50 serigrafia materica
232.00 €
Aggiungi
Torna ai contenuti